Ravenna 3.7

 Rav.imRav.imRav.im

III

Spring 2010

The Trollopes : A Family of Writers and Tuscany

 image001 Fondazione Michel de Montaigne
Piazza Jean Varraud, n.9
C.P. 64
55022 Bagni di Lucca
www.fondazionemontaigne.it / info@fondazionemontaigne.it

Il convegno I Trollope: una famiglia di scrittori e la Toscana (23-24 ottobre 2010), organizzato dalla Fondazione Montaigne con il contributo scientifico delle Università di Pisa e Venezia Ca’ Foscari, nonché della “Trollope Society” londinese, si propone di studiare i rapporti di una famiglia di letterati inglesi con la nostra regione e, in particolare, Bagni di Lucca. L’iniziativa è la continuazione ideale di precedenti convegni di vasta risonanza, dedicati negli anni scorsi a Montaigne e Lever, a Ouida e ai Browning, solo alcuni dei personaggi che scelsero la località termale per i loro soggiorni.

Frances “Fanny” Trollope, nata nel 1780 a Bristol, visse a lungo a Firenze, dove morì nel 1863, e dove rimasero famose le sue réunions settimanali, nel “Villino Trollope” dell’attuale Piazza Indipendenza, cui partecipavano esponenti di spicco della cultura anglo-fiorentina. Grande viaggiatrice in Europa e in America, Fanny Trollope ebbe sei figli, due dei quali, Anthony e Thomas Adolphus, furono anch’essi scrittori di fama; ma anche altri membri della famiglia si dedicarono alla scrittura.

Una sua esperienza negli Stati Uniti le permise di pubblicare un volume assai caustico, Domestic Manners of the Americans (1832), che divenne ben presto un best-seller. Fra i suoi numerosi lavori – oltre una quarantina fra romanzi e libri di viaggio – si ricordano The Widow Barnaby e Petticoat Government, oltre a The Vicar of Wrexill del 1837, suo contributo alle controversie religiose del periodo, e The Life and Adventures of Michael Armstrong, the Factory Boy del 1840, uno dei primi romanzi vittoriani che trattano di problematiche sociali, legate all’impatto della Rivoluzione Industriale.

Nel primo volume di A Visit to Italy, un libro di viaggio in forma epistolare, pubblicato a Londra, da Richard Bentley, nel 1842, la scrittrice dedica numerose pagine alla Toscana.

Thomas Adolphus Trollope (1810-1892) fu educato alla Harrow School e al Winchester College. Tra il 1840 e il 1890 produsse una sessantina di volumi di letteratura di viaggio, storia e narrativa, oltre a una grande quantità di articoli in periodici. Trascorse in Italia la maggior parte della sua vita, per tornare nel 1890 in Inghilterra, dove morì due anni dopo. Le sue memorie, pubblicate in tre volumi fra il 1887 e il 1889, contengono ampie sezioni sui nostri luoghi.

Anthony Trollope (1815–1882), il più famoso esponente della famiglia – riformatore del sistema postale britannico e inventore della pillar box, la colonnina postale di colore rosso che caratterizza città e villaggi britannici – fu, al pari di Lever, Collins e Dickens, uno dei romanzieri più prolifici e amati dell’epoca vittoriana. I suoi capolavori, noti come Chronicles of Barsetshire, ambientati nell’immaginaria Contea del Barset, affrontano importanti tematiche politiche e sociali dell’epoca. La sua Autobiografia è stata tradotta lo scorso anno per l’editore Sellerio il quale, oltre ai “romanzi giudiziari” Orley Farm e Lady Anna, ha pubblicato recentemente anche L’amministratore, Le torri di Barchester, Il dottor Thorne, La canonica di Framley, La casetta ad Allington. Altri titoli sono a disposizione dei lettori italiani presso le edizioni Passigli.

Contributi su ogni aspetto della vita e delle opere della famiglia Trollope saranno prese in considerazione. Particolarmente graditi saranno argomenti come “I Trollope e l’autobiografia”, “I Trollope e la narrativa popolare”, “I Trollope: legami con l’Italia / con la cultura fiorentina / con Bagni di Lucca”. Si prega di inviare un titolo provvisorio, accompagnato da un breve abstract, ad uno degli organizzatori:

Prof. Tony Bareham, cromwell3uk@yahoo.co.uk
Prof. Marcello Cherubini (Presidente della Fondazione Montaigne), cherubini40@alice.it
Prof. Mario Curreli, m.curreli@angl.unipi.it
Prof. Franco Marucci, marucci@unive.it

Border_6carn-upBorder_6

Return to Table of Contents back Return to our home page https://oscholars.files.wordpress.com/2013/02/ravenna_logo.jpg

One Response to Ravenna 3.7

  1. Encore un excellent article : j’espère en parler ce soir avec des collègues

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s